Spesso, quando condivido articoli o eventi, Les Chèrie Cerises lo condividono sulla loro bacheca diLes Chèries Cerieses Facebook. Incuriosita da questa abitudine, un po’ al di fuori delle abitudini italiane, ho deciso di scoprire chi fossero e quali progetti hanno. Innanzitutto ho scoperto essere di Roma, quella capitale dove il burlesque sta prendendo sempre più spazio e cullando un numero sempre maggiore di professioniste. Dove nascono scuole e si consolidano nomi e spettacoli. Dove troviamo appuntamenti fissi o saltuari, ma che ha comunque accolto il burlesque tra le innumerevoli espressioni artistiche della città.

Andando sulla loro pagina Facebook (Les Chèries Cerises) ho trovato la seguente descrizione:

Les Chèries Cerises, gruppo di performers di Burlesque, nasce con l’intento di condividere quest’arte con chiunque ami questa meravigliosa disciplina fatta di sensualità, eleganza e soprattutto ironia.
Come un grappolo di gustose ciliege, ognuna è simile nella sostanza, ma molto diversa nello stile. Il gusto più o meno dolce, alcune più grandi, altre più rosse e tonde, altre più piccine, unite dai piccioli ad un unico ramo, quello del Burlesque.
Un po’ vintage, un po’ pin-up, un po’ dive. Divertenti, dispettose, maliziose, senza mai prendersi troppo sul serio, perché quest’arte basata sull’autoironia ci rende libere. Libere di esprimerci ogni volta attraverso una sensualità diversa.
Cogli l’occasione di gustare i rossi frutti del Burlesque!

Infine, sempre più incuriosita, ho deciso di intervistarle:

  • Come è nata l’idea del gruppo?
    Il gruppo è nato dalla condivisione della passione per il Burlesque e dall’amicizia e complicità creatasi durante il nostro percorso formativo.
    Attraverso la nostra pagina ci proponiamo di trasmettere questo amore, mettendo in comunicazione tutti gli appassionati di quest’arte e raccogliendo informazioni su festival, contest, tecnica con l’intento di combattere i pregiudizi che girano intorno a questo mondo.
  • Cosa intendete trasmettere attraverso il gruppo?
    La collaborazione come ricchezza, specialmente in un ambiente in cui l’individualità è fondamentale.
  • Credete che fare gruppo dica qualcosa in più sul Burlesque?
    Il Burlesque ha molte anime e stili diversi che si completano, lavorare in gruppo permette di proporre spettacoli in cui sono presenti tutte le sfaccettature della femminilità.
  • Cosa pensate del Burlesque che si vede oggi?
    C’è del Burlesque di qualità e molte professioniste ma ancora poco considerato e valutato come arte, per lo meno in Italia.
    Essendo in voga, in molte si approcciano all’arte del Burlesque con superficialità e senza rispettare lo studio e la preparazione che tale disciplina richiede.
    Si sottovalutano la quantità di ore da dedicare alla tecnica e alla interpretazione del proprio personaggio.
    Questa mediocrità unita alla distorta opinione che si ha del Burlesque, trattandosi di un’arte dove spesso si tolgono parte degli indumenti, rallenta notevolmente lo sviluppo di questo genere di spettacolo.
    Mensilmente pubblichiamo articoli con le nostre opinioni, interviste, recensioni sul Burlesque sulla nostra rubrica per Sul Palco Quindicinale on-line
  • Che tipo di Burlesque preferite proporre?
  • Premesso che nel bagaglio culturale ogni performer debba conoscere l’act e gli accessori classici, seguendo la propria creatività di volta in volta si sperimentano performance sempre diverse, anche con contaminazioni di altre arti.
    Gli spunti sono infiniti.
  • Vi ispirate a qualche performer o gruppo in particolare?
    Non ci ispiriamo a nessuna in particolare, ammiriamo l’arte del Burlesque in tutte le sue forme.
    Le nostre attenzioni vanno sempre alla ricerca della qualità e del miglioramento e di chiunque lo offra.
  • Quali sono i vostri progetti futuri?
    Come gruppo stiamo organizzando un calendario di spettacoli mensili, poi saremo ospiti a eventi a cui parteciperemo come invitate.

 

  • Ora ve le presento una ad una:
  • Sophie Sapphire che trovate su fb con questo nome, si occupa dei contatti e della organizzazione degli eventi del gruppo. Creativa e fantasiosa adora costruirsi i propri costumi da sola, mette a disposizione del gruppo la sua vasta collezione di abiti e accessori, basta chiedere e qualsiasi cosa manchi per un’act, si materializza puntualmente davanti a chi serve!
  • Ann Da Loos, appassionata al mondo vintage, il teatro, il cinema, la danza, ama giocare con le varie sfaccettature della sua personalità, dal lady al rock, ma sempre con grinta, sensualità e molta ironia.
    Spicy Cookie è la Stage Kitten, si occupa della gestione delle esigenze delle perfomer che vanno in scena, ha un ruolo importante nella parte creativa degli act e cura la pagina fb, è la segretaria del gruppo.
  • Margot Satin, attenta ai dettagli ed alla costante ricerca dell’eleganza, dell’ironia e della sensualità negli act. Piacevolmente coinvolta anche nella presentazione di eventi. Curiosa esploratrice di nuove tecniche ed interpretazioni per ampliare il proprio universo Burlesque, fatto anche di collaborazioni con altre performer.
  • Viridi Flora. Viridi dal latino “verde” il suo colore preferito, “flora” dai fiori che utilizza per adornare il capo. Percorre per venti anni la passione per la danza classica e moderna. Da cinque anni ha intrapreso il Burlesque per poter mettere in scena l’eleganza della danza e confezionare i suoi abiti.